Interreg - European Regional Development Fund - European Union

Primo avviso per la presentazione di proposte progettuali Interreg VI - IT-AT 2021-2027

Il Primo avviso a presentare proposte progettuali è aperto dal 20 gennaio fino al 19 aprile 2023.

L'obiettivo del programma Interreg VI-A Italia-Austria è rafforzare la cooperazione transfrontaliera nell'area di confine italo-austriaca e promuovere uno sviluppo intelligente, verde e sostenibile. L’avviso sostiene in particolare iniziative volte a promuovere un totale di 4 priorità: Innovazione e impresa, Cambiamento climatico e biodiversità, Turismo sostenibile e culturale e Riduzione degli ostacoli transfrontaliere. Le proposte progettuali devono presentare un approccio transfrontaliero concreto e sostenibile. I fondi messi a disposizione disponibili nell'ambito del presente avviso per la presentazione di proposte progettuali ammontano a un importo complessivo di 23.500.000 euro di fondi FESR, così ripartiti:

• Priorità 1: 8.250.000,00 €
• Priorità 2: 8.250.000,00 €
• Priorità 3: 4.000.000,00 €
• Priorità 5: 3.000.000,00 €

Per garantire una maggiore qualità del progetto si raccomanda ai proponenti di contattare la propria Unità di coordinamento regionale (UCR) di riferimento per un colloquio di orientamento entro il 30 marzo. Per procedere in modo trasparente e orientato al risultato, i proponenti sono tenuti a scaricare la scheda tecnica, compilarla in tutte le sue parti e presentarla all’appuntamento con l’UCR. In tale contesto l’UCR darà un primo orientamento non vincolante sulla proposta progettuale in termini di coerenza con gli obiettivi del programma di cooperazione e sull’ammissibilità secondo le Norme specifiche del Programma di ammissibilità della spesa. Se del caso, ai potenziali beneficiari saranno fornite delle indicazioni in merito al possibile cofinanziamento nazionale.

Si raccomanda di leggere attentamente il testo della chiamata del Primo avviso.

Presentazione delle proposte progettuali tramite coheMON
Le proposte progettuali vengono presentate tramite il sistema di monitoraggio del programma "coheMON", compilando online la scheda di progetto. Per tale motivo, tutti i partner di progetto devono avere attivato l’accesso a coheMON e devono essere in possesso della firma digitale. I partner che sono già registrati a sistema non hanno bisogno di creare un nuovo account. Il progetto è gestito in tutte le sue fasi tramite coheMON, vale a dire, dalla presentazione della proposta di progetto all'effettiva conclusione del progetto, sia dai beneficiari – il LP ha una maggiore responsabilità – così come da parte delle Autorità del programma.

L'accesso a coheMON avviene tramite il link omonimo sulla Homepage di questo sito web [disponibile a breve]. Questo link porta alla rete civica dell’Alto Adige dove è possibile sia creare un'account certificato, che accedere al coheMON per gestire un progetto. Guide al coheMON sono disponibili qui.

Si raccomanda di effettuare l’invio definitivo della proposta progettuale entro il 19 aprile alle ore 12:00, poiché è richiesto il contributo di ogni singolo partner progettuale.

Come si svolge la valutazione delle proposte presentate?
Dopo la chiusura dell'avviso segue la valutazione delle proposte presentate da parte del Segretariato congiunto, che è supportato dalle Unità di coordinamento regionale e, ove utile, da esperti esterni. L'Autorità di gestione garantisce l'indipendenza di tutti i valutatori.

Il processo di valutazione, che dura circa 25 settimane, consiste di due fasi:

1. Valutazione formale: Verrà valutato, se le proposte soddisfano i requisiti minimi del programma e dei regolamenti dell'Unione Europea. Nel caso di una valutazione negativa, in questa fase, il progetto sarà respinto poiché inammissibile e non si svolgerà nessuna successiva valutazione.

2. Valutazione strategica: Riguarda il contenuto della proposta progettuale e determina la posizione del progetto nella graduatoria. L'accento è posto sugli aspetti strategici, operativi e coinvolge anche altri aspetti. L'attenzione è rivolta in particolare agli aspetti strategici, operativi e di altro tipo. Parallelamente, le Unità di coordinamento regionale effettuano una revisione delle candidature dei partner di progetto nelle rispettive aree regionali di responsabilità, al fine di verificare la coerenza e la sinergia dei progetti con le politiche regionali, nazionali e specifiche di ciascun Paese.
Sulla base dei risultati della prova di ammissione e la valutazione strategica e operativa, il Segretariato congiunto elabora una graduatoria motivata delle proposte progettuali che sarà presentata al Comitato direttivo, che prende la decisione finale.

Per ulteriori informazioni sulla metodologia e sulla procedura di valutazione dei progetti, si rimanda al documento corrispondente Metodologia e criteri per la selezione dei progetti.

 

Primo avviso

In questa sezione troverete i documenti del Primo avviso

  • Decreto
  • Primo avviso
  • Allegati

 Download-Seite

 

Ultimo aggiornamento: 24/01/2023