Interreg - European Regional Development Fund - European Union

3° avviso

Terzo avviso per la presentazione di idee progettuali

Il terzo avviso per la presentazione di idee progettuali è aperto dal 17 settembre fino al 30 novembre 2018.

L’obiettivo del programma Interreg V-A Italia - Austria è di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nella zona di confine tra Italia e Austria e di contribuire al raggiungimento degli obiettivi della strategia Europa 2020. Il presente avviso promuove iniziative per il finanziamento nell’ambito di tre obiettivi tematici specifici: ricerca e innovazione, natura e cultura e competenza istituzionale. Le proposte progettuali devono presentare un approccio transfrontaliero concreto e sostenibile e rientrare negli assi prioritari 1, 2 o 3 del programma di cooperazione. Proposte progettuali, che rientrano nell’asse prioritario 4, non sono ammissibili in questo avviso.

I fondi messi a disposizione nell’ambito del presente avviso per la presentazione delle proposte progettuali ammontano a un importo complessivo di 12.883.000,00 Euro di fondi FESR così suddivisi:

  • Asse prioritario 1: 6.812.000,00 Euro
  • Asse prioritario 2: 4.421.000,00 Euro
  • Asse prioritario 3: 1.650.000,00 Euro

Inoltre, 3.600.000,00 euro saranno messi a disposizione sotto forma di fondi overbooking di programma. Questi fondi saranno utilizzati per finanziare ulteriori, cosiddetti progetti di overbooking, dopo l'assegnazione delle risorse finanziarie ordinarie del programma sopra menzionate in conformità con la graduatoria di valutazione. Inoltre, le sei regioni partner partecipanti del programma possono fornire fondi regionali di overbooking per finanziare singoli beneficiari di progetti valutati positivamente.

Il budget massimo di progetto (quota FESR) viene determinato sulla base del numero delle regioni di provenienza dei beneficiari coinvolte:

  • 500.000 euro per 2 regioni partecipanti;
  • 750.000 euro per 3 regioni partecipanti
  • fino a 1 milione di euro per più di 3 regioni partecipanti. In casi eccezionali motivati è possibile un superamento di tale limite che viene approvato da parte del Comitato Direttivo

Per garantire una maggiore qualità del progetto si raccomanda ai proponenti di contattare la propria Unità di coordinamento regionale di riferimento per un colloquio di orientamento entro il 9 novembre. Per procedere in modo trasparente e orientato al risultato, i proponenti sono tenuti a scaricare la scheda tecnica, compilarla in tutte le sue parti e presentarla all’appuntamento con l’UCR. In tale contesto l’UCR darà un primo orientamento non vincolante sulla proposta progettuale in termini di coerenza con gli obiettivi del programma di cooperazione e sull’ammissibilità secondo le norme specifiche del Programma di ammissibilità della spesa. Se del caso, ai potenziali beneficiari saranno fornite delle indicazioni in merito al possibile cofinanziamento nazionale.

Si raccomanda di leggere attentamente il testo del terzo avviso.

Presentazione delle proposte progettuali tramite coheMON

Le proposte progettuali vengono presentate a partire del 17 settembre tramite il sistema di monitoraggio del programma "coheMON", comiplando in un formulario online la scheda i progetto. Per tale motivo, tutti partner di progetto devono creare un proprio Account certificato sulla rete civica dell’Alto Adige e munirsi di una firma digitale. Il progetto è gestito tramite coheMON dalla presentazione della proposta di progetto all'effettiva conclusione del progetto, sia dai beneficiari – il LP ha una maggiore responsabilità – così come da parte delle Autorità del programma.

L'accesso a coheMON avviene tramite il link omonimo sulla Homepage di questo sito web. Questo link porta alla rete civica dell’Alto Adige dove è possibile sia creare un'account certificato, che accedere al coheMON per gestire un progetto. Guide al coheMON sono disponibili qui.

Si raccomanda vivamente di effettuare l’invio definitivo della proposta progettuale entro il 30 giugno alle ore 12:00, poiché è richiesto il contributo di ogni singolo partner progettuale.

Come si svolge la valutazione delle proposte presentate?

Dopo la chiusura dell'avviso segue la valutazione delle proposte presentate da parte del Segretariato congiunto, che è supportato dalle Unità di coordinamento regionale e, ove utile, da esperti esterni. L'Autorità di gestione garantisce l'indipendenza di tutti i valutatori.

Il processo di valutazione, che dura circa 25 settimane, consiste di due fasi:

  1. Fase di ammissione: Verrà valutato, se le proposte soddisfano i requisiti minimi del programma e dei regolamenti dell'Unione Europea. Nel caso di una valutazione negativa, in questa fase, il progetto sarà respinto poiché inammissibile e non si svolgerà nessuna successiva valutazione.
  2. Valutazione strategica e operativa: Verrá fatta una graduatoria delle proposte progettuali sulla base dei criteri qualitativi. L'accento è posto sugli aspetti strategici, operativi e sostanziali. Parallelamente si svolgerá una valutazione delle proposte nei settori regionali di responsabilità da parte delle Unità di coordinamento regionale.

Sulla base dei risultati della prova di ammissione e la valutazione strategica e operativa, il Segretariato congiunto elabora una graduatoria motivata delle proposte progettuali che sarà presentata al Comitato direttivo, che prende la decisione finale.

Ulteriori informazione in merito alla metodologia e il processo di valutazione sono disponibili nel documento Metodologia e criteri di selezione dei progetti.

Documenti del terzo avviso

In questa sezione sono disponibili i documenti in merito all'esito del secondo avviso:

  • Terzo Avviso
  • Elenco documenti aggiuntivi
  • Documenti aggiuntivi
  • Norme specifiche del Programma di ammissibilità della spesa
  • Metodologia e criteri per la selezione dei progetti
  • Modello del contratto di partenariato
  • Bozza del Contratto di finanziamento Interreg

Download-Seite

Ultimo aggiornamento: 03/10/2018